giovedì 9 novembre 2006

Ipocrisie

É con un certo stupore che noto quell'opinione abbastanza diffusa sulla condanna a morte di Saddam Hussein. Opinione diffusa anche tra persone apparentemente intelligenti e preparate, ovviamente. Beh, fa più o meno così: "è appurato che in Iraq ogni giorno muoiono decine di persone e nessuno muove un dito quindi è ipocrita ora cercare di salvare Saddam soltanto perchè è famoso". E famoso non nel senso che è famoso, ma ecco ci siamo capiti, dai. Non lo troveremo all'Isola dei Famosi tra qualche anno, ecco, questo intendevo. Sempre che sia vivo. E poi non ne sarei nemmeno così tanto convinto. Ma è comunque un altro discorso.

Perchè poi si dice che Prodi, Chirac e compagni europei che si sono 'mobilitati' esponendo prontamente il proprio disappunto nei confronti della condanna a morte di Saddam, siano ipocriti perchè non dicono mai niente contro le numerose condanne a morte che ogni giorno vengono eseguite.

Cos'è, c'è scritto da qualche parte che se salviamo Saddam rinunciamo a salvare tutti gli altri condannati a morte? Dobbiamo lasciare impiccare i famosi, perchè sarebbe ipocrita salvarli?
Da oggi, c'è una classifica dei condannati a morte. Quelli che bisogna salvare prima, quelli che bisogna salvare dopo, quelli che non bisogna salvare.
Da oggi, non bisogna più salvare nessuno dalla condanna a morte. Come si fa a salvare gli iracheni quando in Texas vengono giustiziate decine di persone ogni mese? Per non parlare dei condannati cinesi. Siamo tutti degli ipocriti di merda.
Mandiamo Saddam all'isola dei famosi e facciamola finita. Credo sia una bella condanna anche questa.
sheenafabio

2 Comments:

Anonymous diegograziotto@libero.it said...

Ciao Sheena
complimenti, non sapevo foste anche opinionisti svegli sui problemi attuali, oltre che musicisti.
Apprezzo molto i commenti nel blog.
Spero li leggano in molti e che abbiano il coraggio delle proprie idee.
Ciao
Diego
SONOVA

6:17 PM  
Anonymous Anonimo said...

secondo me saddam al'isola spaccherebbe di brutto!!!

10:38 PM  

Posta un commento

<< Home